Aspetti Generali

Sede

La Sede Legale e Istituzionale della Fondazione Cinema e Luce è nella città di Cassino (Frosinone).

La Fondazione può disporre a Cassino dell’AULA PACIS per gentile concessione (in comodato d’uso gratuito) del gestore della struttura.

L’AULA PACIS ha una capienza di 302 posti a sedere (su poltrone confortevoli), una sala climatizzata estate-inverno ed è dotata di grande schermo, con sistemi tecnologici di “riproduzione audio-cine-video”; è idonea per la proiezione di film, teatro, spettacoli musicali, nonché per l’organizzazione di congressi, incontri, dibattiti, meeting, convegni, conferenze stampa, workshop, rassegne o altre occasioni di confronto e aggregazione; oppure, per festeggiare una ricorrenza o un’occasione speciale di una persona o di una famiglia, garantendo all’evento quel tocco di originalità per fare la differenza, offrendo anche uno scenografico atrio per un coffe break.

La Fondazione può istituire in alcune località del territorio nazionale strutture operative, delegazioni, uffici, rappresentanze ed ogni altro genere di unità locale, consentita dalle norme in vigore, dove svolgere in via accessoria e strumentale, rispetto alle sue finalità, attività di promozione, nonché di sviluppo ed incremento della necessaria rete di relazioni.

Organi della Fondazione

⦁ Consulta dei Fondatori
⦁ Consiglio Direttivo
⦁ Presidente
⦁ Direttore
⦁ Segretario
⦁ Revisore dei Conti
⦁ Organo di Sorveglianza

Membri della Fondazione

⦁ Fondatori Promotori
⦁ Fondatori Sostenitori

FONDATORI PROMOTORI

Appartengono a questa categoria i soggetti che danno vita all’avvio dell’iter procedurale di costituzione della Fondazione e trovano menzione nell’Atto Costitutivo:

Persone Fisiche
forniscono una prestazione gratuita di lavoro professionale, di supporto tecnico; di consulenza; e collaborano per la realizzazione di progetti rientranti nell’ambito delle iniziative istituzionali; ma non sostengono alcun onere finanziario in denaro;

Enti Pubblici – Aziende
partecipano con una contribuzione di carattere finanziario in denaro; oppure, con la concessione in comodato d’uso gratuito di un bene immobile.
La qualifica di Fondatore Promotore dura per tutta la vita della Fondazione; oppure fino ad una eventuale rinuncia da parte del soggetto che la detiene.

FONDATORI SOSTENITORI

Assumono tale qualifica i soggetti che aderiscono dopo l’Atto Costitutivo, per sostenere la Fondazione nella realizzazione dei suoi scopi e consentirne la sopravvivenza, condividendone le finalità nel pieno rispetto delle norme dello Statuto e dei regolamenti collegati:

Persone Fisiche (singole o associate, con nazionalità italiana o straniera)
forniscono una prestazione gratuita di lavoro, di supporto tecnico, di consulenza; un’attività professionale di particolare rilievo; oppure, collaborano per la realizzazione di progetti rientranti nell’ambito delle iniziative istituzionali della Fondazione; ma non sostengono alcuna contribuzione di carattere finanziario in denaro;

Enti Pubblici – Aziende – Istituzioni Private – Benefattori:
partecipano con contribuzioni di carattere finanziario in denaro (nelle forme e nelle misure più appropriate); conferiscono la proprietà di beni materiali o di beni immobili (funzionali al perseguimento degli scopi della Fondazione); fanno donazioni; concedono in comodato d’uso gratuito beni immobili; oppure, intervengono per dare lustro e prestigio alla Fondazione.

La qualifica di Fondatore Sostenitore, indipendentemente dalla quantità e dal tipo di apporto, dà diritto ad esserne parte attiva in considerazione della necessità e importanza della categoria di provenienza, nel generale obiettivo della Fondazione di possedere una base partecipativa più larga possibile; viene riconosciuta dal Presidente, d’intesa con il Consiglio Direttivo; e dura per tutta la vita della Fondazione, sempreché non vengano meno i requisiti per i quali sia stata concessa; o se intervenga una eventuale rinuncia da parte del soggetto che la detiene.

Membri ONORARI

Assumono la qualifica di Membro Onorario personalità del cinema, dello spettacolo, della cultura, delle istituzioni bancarie, oppure, l’università degli studi, l’accademia del cinema, l’ente pubblico (con nazionalità italiana o estera), che contribuiscono a dare lustro e prestigio alla Fondazione.

Il membro Onorario può esprimere pareri, dare indicazioni, sollecitare iniziative agli organi istituzionali preposti per il perseguimento dei fini statutari ed ha la facoltà di partecipare alle riunioni della Consulta dei Fondatori, ma senza che la sua presenza sia conteggiata ai fini della determinazione dei relativi quorum costitutivi.

Il membro Onorario è nominato dal Presidente della Fondazione, d’intesa con il Consiglio Direttivo; e rimane con tale qualifica fino ad una eventuale rinuncia da parte del soggetto che la detiene, sempreché non vengano meno i requisiti per i quali sia stata assegnata.

TESTIMONIAL

Il Presidente della Fondazione, d’intesa con il Consiglio Direttivo, può nominare “Testimonial” una personalità che abbia particolari meriti, o un tale prestigio, nel mondo del cinema, dello spettacolo, della cultura o delle istituzioni pubbliche o private (con nazionalità italiana o estera).

L’onorificenza di “Testimonial” rimane fino ad una eventuale rinuncia da parte del soggetto che la detiene, sempreché non vengano meno i requisiti per i quali sia stata assegnata.


Patrimonio

Il patrimonio della Fondazione è a struttura aperta per consentire l’adesione a chiunque (soggetto pubblico o privato, persona fisica, aziende, organismi culturali, istituzioni bancarie o finanziarie), di partecipare al progetto apportando denaro, beni mobili, immobili, servizi, lavoro; ed è costituito da un “Fondo di Dotazione Patrimoniale”, da un “Fondo di Gestione” e da un “Fondo di Garanzia”.

a) Fondo di Dotazione Patrimoniale

è costituito inizialmente dalle somme in denaro provenienti dai versamenti effettuati in sede di costituzione della Fondazione, da enti pubblici e da aziende private.

Successivamente il Fondo di Dotazione Patrimoniale può essere integrato ed arricchito dalle seguenti entrate:

• beni mobili e immobili che pervengano a qualsiasi titolo alla Fondazione;

• beni strumentali e materiali cinematografici, intangibili, non cedibili o alienabili, provenienti da donazioni gratuite, disposizioni testamentarie, o da acquisizioni a titolo oneroso;

• elargizioni fatte da enti o da privati con espressa destinazione a incremento del patrimonio;

• parte di rendita non utilizzata che, con delibera del Consiglio Direttivo, può essere destinata ad incremento del patrimonio;

• contributi che vengono attribuiti al Patrimonio della Fondazione dall’Unione Europea, dallo Stato e dagli Enti territoriali (pubblici o privati);

• diritti e partecipazioni.

Tutti i suddetti apporti dovranno imputarsi al Fondo di Dotazione Patrimoniale, sempreché, in sede di erogazione, i contributi finanziari in denaro non saranno espressamente destinati al Fondo di Gestione.

b) Fondo di Gestione

E’ costituito inizialmente da una quota in denaro, stornata dal Fondo di Dotazione Patrimoniale, per l’avvio dell’attività corrente e la gestione della Fondazione; con la possibilità di poter disporre di certificazioni o dichiarazioni bancarie che attestino la disponibilità liquida dell’ente; o ancora, documenti o dichiarazioni sottoscritte attestanti l’erogazione da parte di privati o di enti pubblici di sovvenzioni, contributi, donazioni e liberalità; o formale impegno degli enti di erogazione dei suddetti contributi; o disponibilità di locali a titolo gratuito.

Successivamente il Fondo di Gestione può essere integrato dalle seguenti entrate:

• rendite e proventi derivanti dal patrimonio e dalle attività della Fondazione;

• contributi che provengono in qualsiasi forma dai Fondatori Promotori e dai Fondatori Sostenitori;

• contributi ovvero conferimenti gratuiti attribuiti da parte dell’Unione Europea, dello Stato, di Enti territoriali o di altri Enti pubblici o privati;

• eventuali donazioni, lasciti o disposizioni testamentarie (fatti salvi i vincoli di destinazione specifica, espressamente indicati), che non siano specificatamente destinate ad incrementare il patrimonio ed il fondo di dotazione e che perverranno in qualsiasi forma e a qualunque titolo;

• ricavi delle attività istituzionali, accessorie, strumentali e connesse (sia in via diretta, sia in via indiretta);

• proventi derivanti dagli “sponsor”;

• entrate diverse ed eventuali.

c) Fondo di Garanzia (vincolato e indisponibile)

è costituito dal denaro liquido proveniente dai versamenti effettuati dai Fondatori Promotori, dai Fondatori Sostenitori e dal valore dei materiali cinematografici che la Fondazione riceve in dotazione gratuita, considerati beni strumentali e sostanziali a tutti gli effetti di legge, il cui ammontare complessivo d’inventario viene attestato da perizia di stima effettuata da un professionista di settore, asseverata in Tribunale.

Riconoscimento della Personalità Giuridica

La Fondazione deve acquisire la “Personalità Giuridica” con il riconoscimento determinato dall’iscrizione nel registro delle persone giuridiche, istituito presso le prefetture (art. 1 del DPR n. 361 del 10 febbraio 2000).

Le competenze relative al riconoscimento (ed al controllo) della Fondazione Cinema e Luce – Fondazione di Partecipazione, sono attribuite al Prefetto della Provincia di Frosinone, che provvede, entro 120 giorni dalla presentazione della domanda di riconoscimento, all’iscrizione della Fondazione nel Registro delle Persone Giuridiche; salvo la necessità di integrazioni alla documentazione, che la Fondazione dovrà presentare entro i 30 giorni successivi dalla richiesta.

Per ottenere tale riconoscimento, il Presidente della Fondazione è delegato a compiere tutto quanto necessario per richiedere il riconoscimento della Personalità Giuridica; ed a proporre le relative istanze, inoltrare comunicazioni, sottoscrivere e presentare la documentazione ad essa connessa e quant’altro necessario; dimostrando l’esistenza di un Fondo di Gestione e di un Fondo di Garanzia.

Contratti di Servizio

Per l’attuazione dei programmi istituzionali, la Fondazione può assumere direttamente o indirettamente la gestione e la promozione di realtà/strutture esistenti sul territorio.

Gli immobili da utilizzare per il raggiungimento delle finalità statutarie, dove svolgere buona parte delle attività istituzionali (sede operativa, luogo di conservazione e concentrazione per archivio, mostra, museo, laboratorio, formazione, ricerca, produzione cinematografica e audiovisiva, sala di proiezione), potranno essere concessi in uso o affidati in gestione alla Fondazione da soggetti terzi (pubblici o privati) mediante contratti di servizio, in comodato d’uso gratuito, ovvero mediante altri tipi di contratto o provvedimenti amministrativi, secondo quanto previsto dall’atto o dal contratto stesso, che dovrà disciplinare, tra l’altro, anche gli standard di utilizzo dei suddetti beni.

Alcune di queste strutture dovranno disporre di una sala climatizzata estate-inverno ed essere dotate di grande schermo, poltrone confortevoli e sistemi tecnologici di riproduzione audio-cine-video, da utilizzare per la proiezione di film, per il teatro e per l’organizzazione di congressi, incontri, dibattiti, meeting, convegni, conferenze stampa, workshop, rassegne o altre occasioni di confronto e aggregazione; oppure, per festeggiare una ricorrenza o un’occasione speciale di una persona o di una famiglia, garantendo all’evento quel tocco di originalità per fare la differenza, offrendo anche uno scenografico atrio per un coffe break.


© Copyright 2020 – Fernando FRAIOLI – Immagini tratte da Google

NOTE LEGALIPRIVACY ATTO COSTITUTIVO STATUTO